Quale democrazia, con quali costi 2011

Già nel novembre del 1983 l’Eurispes, in collaborazione con la Luiss, organizzò un convegno sui costi della democrazia. L’anno seguente con la pubblicazione degli atti del convegno di studi: “Il costo della democrazia. I partiti politici italiani: costi e finanziamenti”, fu il primo istituto di ricerca ad occuparsi della relazione tra democrazia e costi di funzionamento. Da allora, a più riprese, l’Istituto si è occupato di questa problematica, riprendendo le dinamiche, modificate nel tempo, attraverso il Rapporto Italia. In particolare il tradizionale sondaggio sulla fiducia degli italiani nei confronti delle Istituzioni, inserito nello stesso Rapporto, ha rappresentato negli anni, il termometro della crescente disaffezione dei cittadini nei confronti delle Istituzioni ed in particolare della politica.
Il percorso di ricerca sui costi della democrazia vuole essere un contributo scientifico capace di interpretare l’evolversi delle dinamiche politiche, economiche e sociali, che caratterizzato l’attuale situazione del Paese. Attraverso la nostra ricerca cercheremo di contribuire all’emersione di fenomeni sociali, alcuni già noti, altri meno, che possano essere utilizzati dai decisori politici ed economici per la loro attività di indirizzo e di governo dell’economia e della società.

 

Indice

Introduzione

La prima area di ricerca
La democrazia costa

La seconda area di ricerca
La fiducia degli italiani nelle Istituzioni

La terza area di ricerca
Come la stampa tratta la “Casta”

La quinta area di ricerca
Analisi comparata sulle “retribuzioni” della classe dirigente italiana

La quarta area di ricerca
Analisi comparata sui costi della politica in Ue

Considerazioni finali sul percorso di ricerca

 


Introduzione

Percorso di lavoro della ricerca Eurispes sui costi della democrazia

Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare l'accesso come utente registrato

Utenti collegati esistenti

   
Social Network