Osservatorio sui Delitti di Coppia e Familiari (1° Maggio-31 Agosto) 2003

Nei primi quattro mesi del 2003, l’Osservatorio sui delitti di coppia e familiari ha classificato 49 omicidi che hanno causato 62 vittime: nei matrimoni, nelle convivenze, nei fidanzamenti, tra amanti nonché tra parenti di vario grado (padri, madri, fratelli cugini, nipoti) e che hanno colpito neonati e bambini. Nel medesimo arco di tempo, sono stati 211 gli omicidi registrati dalla Polizia criminale, comprensivi sia delle tipologie monitorate dall’Osservatorio, sia di altre tipologie. Il 29% delle 211 morti per omicidio rientra nella categoria dei delitti di coppia e familiari: in pratica un morto ogni due giorni. Basta questo raffronto per mettere in luce il peso assunto dai delitti di coppia e familiari nella scena criminale del Paese. Il monitoraggio – sul 1° quadrimestre del 2003 – fotografa la situazione che emerge nelle 48 ore successive al crimine e, di conseguenza, tra i 56 autori dei 54 episodi delittuosi sono stati compresi anche quelli fortemente sospettati e tra le vittime anche quelle non decedute. La preponderanza dei delitti di coppia rispetto a quelli familiari/parentali e agli infanticidi è stata evidente a conferma della seguente ipotesi: la sindrome conflitto-delitto si scatena soprattutto là dove albergano legami affettivi tra donne e uomini e cioè nella coppia. Sia essa di coniugi, di conviventi, di amanti o fidanzati. Last but not least, l’elemento descrittivo che si evince dai dati è la caratteristica “a sesso unico” degli autori dei delitti di coppia: 30 sono gli autori, 4 le autrici, una delle quali agisce in concorso con un’amica. Il quadro professionale ed occupazionale degli autori dei delitti è risultato basso-medio con un’alta presenza di disoccupati o occupati saltuari. La consistenza dei pensionati non comprende solo anziani, ma anche uomini tra i 45-55 anni. Al primo posto tra le cause e le motivazioni che spingono a compiere omicidi, rileva l’Istituto, c’è la “sofferenza mentale”

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   

Indice

Costanza e costanti del delitto
Lui uccide lei, nella coppia
Parentele di sangue
Vittime e autori
Più a Nord che a Sud
Cause e motivazioni
Ti amo, ti ammazzo
Quando ci sono i figli: lui, lei, la legge
Suicidi
La sofferenza negata

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   

Social Network