L’atteggiamento degli Italiani nei confronti dell’immigrazione extracomunitaria 1991

Gli italiani sono razzisti? È proprio questa accusa a rappresentare il motivo conduttore, il filo d’Arianna della ricerca dal titolo L’atteggiamento degli italiani nei confronti dell’immigrazione extracomunitaria, che intende definire attraverso criteri scientifici la fondatezza di un atteggiamento che, se fosse reale, risulterebbe ignominioso, specie per un popolo che ha seminato i propri figli più poveri e meno garantiti in giro per il mondo, dall’Australia all’Argentina, dagli Stati Uniti d’America all’Europa nordica e sviluppata.
Oggi, davanti ad una dinamica che sposta milioni di individui dal Sud al Nord del mondo, si avverte la necessità di una riflessione approfondita, che eviti le spettacolarizzazioni massmediologiche e che riporti nell’alveo dell’analisi statistica e sociologica lo studio del fenomeno immigrativo e, soprattutto, delle reazioni degli italiani. A questo proposito, l’Eurispes ha dedicato alla questione dell’immigrazione numerosi momenti di riflessione, ai quali si aggiunge questa ricerca. La speranza che ci anima è infatti da un lato quella di riuscire a fornire agli organi di stampa ed alle istituzioni elementi ed informazioni necessarie per uno studio più approfondito e corretto del fenomeno, e dall’altro di riuscire a contribuire a sfatare definitivamente la “voce” che vuole l’italiano razzista.

 

Indice

Presentazione
di Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes

Capitolo 1. Le informazioni sul campione
Capitolo 2. La percezione del problema
Capitolo 3. Immigrazione ed economia
Capitolo 4. I rischi dell’immigrazione
Capitolo 5. Immigrazione e servizi
Capitolo 6. Immigrazione e integrazione
Capitolo 7. Società e razzismo
Capitolo 8. I rapporti fra gli italiani e gli extracomunitari
Capitolo 9. Nota conclusiva

Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare l'accesso come utente registrato

Utenti collegati esistenti

   
Social Network