Il senso della follia 1994

Malati dimenticati in strutture che sulla carta non dovrebbero esistere, istituti psichiatrici come lager, cura della malattia mentale come annullamento di qualsiasi reazione dell’individuo: a sedici anni dall’entrata in vigore della Legge Basaglia, l’Eurispes ha sentito l’esigenza di promuovere, nell’ambito dei suoi studi istituzionali, una ricognizione il più possibile esaustiva dei problemi ma anche delle prospettive che ruotano intorno al pianeta dell’insania. La sfida che attraverso questo studio ci siamo proposti consiste nel verificare quali sono stati i passaggi cruciali del faticoso cammino verso una “riabilitazione” della follia in termini di riconoscimento della sua dignità umana e civile, e nell’individuare quali sono le attuali linee di tendenza intorno a cui si snoda tutto il dibattito sulla normativa psichiatrica.

 

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   

Indice

Introduzione

Capitolo 1
L’evoluzione storico-culturale del concetto di follia e la sua relazione con il sistema della ragione

Capitolo 2
Storia e situazione della normativa sul trattamento riservato al malato di mente nell’ordinamento italiano

Capitolo 3
La Legge 180: storia, riflessioni, ipotesi di riforma

Capitolo 4
Il percorso della “follia”: l’evoluzione epistemologica nel trattamento psichiatrico del disturbo mentale

Capitolo 5
L’osservazione epidemiologica: dalle statistiche tradizionali ai nuovi sistemi formativi

Capitolo 6
La rappresentazione mediale della follia: tra analisi del contenuto ed effetti sociali


Presentazione delle interviste

 

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   
Social Network