Dai fatti alle parole: per una nuova dialettica del fenomeno venatorio 1997

La fauna viene considerata patrimonio indisponibile dello Stato e non più res nullius. Con la riforma della caccia del 1992 si ripartisce il territorio in ambiti di caccia, elementi finali del Piano faunistico-venatorio. Con tale riforma si passa dalla previdente concezione di “caccia controllata” ad una “caccia programmata”, da realizzare attraverso la collaborazione dei soggetti maggiormente interessati quali i cacciatori, gli agricoltori e gli ambientalisti. La legge indica quale deve essere la composizione degli organi di gestione degli ATC; all’interno di questi organi devono trovare composizione i diversi interessi che gravitano sul territorio, e solo attraverso un dialogo concreto, aperto e privo di pregiudizi si potrà arrivare ad un compromesso che significhi miglioramento del benessere dell’intera collettività e rispetto dei diritti delle generazioni future.

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   

Indice

Capitolo 1. Una nuova definizione dell’attività venatoria
 1.1 la gestione sociale dell’ambiente
 1.2 gli ambiti territoriali di caccia
 1.3 cacciatori, ambientalisti e agricoltori: i toni del dialogo
 1.4 la figura del cacciatore ed il suo ruolo nella gestione del territorio
  1.4.1 gestione del territorio: quale ruolo per i cacciatori

Capitolo 2. La caccia in cifre
 2.1 l’utenza venatoria
 2.2 l’associazionismo
 2.3 l’industria armiera
 2.4 aziende faunistico-venatorie, oasi di protezione della naturae zone di ripopolamento e cattura
 2.5 attività connesse alla caccia: le aziende agrituristico-venatoriee l’allevamento della fauna selvatica
 2.6 l’allevamento della fauna selvatica
 2.7 il mercato della caccia

 

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   
Social Network