Osservatorio sui Delitti di Coppia e Familiari (1° Gennaio-30 Aprile) 2003

Da maggio ad agosto 2003, in base ai dati della Criminalpol, sono stati registrati 257 omicidi, ben il 21,8% in più rispetto al quadrimestre precedente. Anche gli omicidi maturati all’interno della coppia e dei rapporti familiari/parentali monitorati dall’Eurispes, sono aumentati: da 49 a 55, registrando un tasso di crescita, rispetto al quadrimestre precedente, pari al 12%.
Sul totale degli omicidi, segnalati dalla Criminalpol, l’incidenza degli omicidi commessi da mariti, mogli, conviventi, fidanzati, figli, padri, madri e altri parenti, rilevati dal nostro Osservatorio, è stata complessivamente pari al 21%. Quindi, a riconferma della tendenza già individuata nello scorso quadrimestre, dall’inizio di maggio alla fine di agosto è stato commesso un delitto di coppia o familiare/parentale ogni 2 giorni. Ma il quadro delle violenze nella coppia e in famiglia non sarebbe completo se non citassimo anche il numero, particolarmente alto nel quadrimestre preso in esame, dei tentati omicidi: 23, di cui 10 di coppia e 13 familiari/parentali.
I delitti familiari e di relazione costituiscono, dunque, un fenomeno che sempre più spesso richiama l’attenzione dell’opinione pubblica. Soprattutto ci si interroga sul perché una società “sana” come la nostra produca casi di quotidiano orrore nella famiglia, all’interno delle mura domestiche che racchiudono simbolicamente i luoghi della sicurezza e della protezione. Certamente, l’effetto di questi delitti è moltiplicato dai media che danno particolare rilievo – facendone comunque presumere la crescita costante – a quegli episodi che risultano essere i più eclatanti per la loro efferatezza, per il tipo di rapporto esistente tra vittima e autore e, in definitiva, per il grado di quello che potremmo chiamare il sintomo acuto di una “normalità violata”.

 

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   

Indice

Matricidi, patricidi, figlicidi, ed altri
Cause e motivazioni
Case history
Saverio Galoppo, omicida e suicida
Omicidi-suicidi
Area geografica
I tentati omicidi

Il contenuto di questa pagine è riservato agli utenti registrati. Se hai un account per favore accedi. Se sei nuovo, registrati

Utenti collegati esistenti

   

Social Network