Osservatorio sulle fragilità sociali 1995

L’opportunità di monitorare le fragilità sociali e i meccanismi di solidarietà che queste generano nel “nucleo sensibile della società”, nasce dall’esigenza primaria di conoscere quanto e sotto quali forme questa solidarietà sia cresciuta, maturata e abbia dato vita a situazioni che meritano di essere incoraggiate e sviluppate.
L’obiettivo è quello di tenere sotto osservazione il mondo variegato della solidarietà, di costituire un “termometro” dell’atteggiamento e delle tendenze “verso l’altro”: in una fase di crisi acuta, in cui la tendenza sembra essere all’isolamento, all’espulsione dei soggetti più fragili, anziché alla concentrazione intorno a un nucleo di valori sociali forti, parlare di solidarietà può essere azzardato, ma soprattutto può sembrare ardito cercare di costruire e proporre un modello di solidarietà diffusa ma anche strutturata, che abbia referenti e simboli istituzionali in grado di portare la prevenzione, l’assistenza e l’appoggio ai più fragili da una situazione di casualità e provvisorietà ad una di sistematicità ed efficacia.

 

Introduzione

Società: aree di disagio e solidarietà

Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare l'accesso come utente registrato

Utenti collegati esistenti