La scuola: Anatomia di una Rivoluzione 1999

 

Il Ministro Luigi Berlinguer, a partire dalla proposta di riforma contenuta nel Documento di riordino dei cicli scolastici (gennaio 1997) ha promosso una sostanziale modernizzazione della scuola italiana. Il presente studio cerca di evidenziare alcuni dati strutturali sottoposti ad analisi secondarie condotte parametrando i numeri forniti dal Ministero della Pubblica Istruzione e dalle altre Istituzioni detentrici dell’informazione inerente il sistema scolastico italiano. Tale procedura ha consentito di porre in evidenza alcuni elementi strutturali.
Nelle regioni del Nord il peso degli alunni della scuola materna rispetto alla popolazione scolastica regionale complessiva è molto inferiore a quella delle regioni del Centro-Sud. Il livello di scolarizzazione della popolazione italiana, pur registrando un indubbio progresso, è allarmante per quanto riguarda i livelli di scolarità della popolazione in generale e delle forze di lavoro. Causa di una situazione di arretratezza della scuola sono, tra l’altro, un’eccessiva burocratizzazione, centralizzazione, un modello di organizzazione rigido ed elefantiaco, una realtà in cui rapporto scuola- territorio-mondo delle imprese è scarso.

 

Indice

Capitolo 1

Un sistema sorpassato

Capitolo 2

Parola d’ordine: autonomia

Capitolo 3

Multimedialità: un’esigenza improrogabile

Capitolo 4

A ritmo di riforma

Capitolo 5

Te lo do io il libro

Capitolo 6

Analisi del numero di alunni per l’anno 1999-2000 (previsioni)

Capitolo 7

Analisi delle unità scolastiche di istruzione di II grado

Capitolo 8

Analisi degli studenti della scuola secondaria superiore

Capitolo 9
Analisi dei docenti della scuola secondaria superiore

 

Introduzione

Scuola e riforma: un processo che ruota attorno al concetto di autonomia

Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare l'accesso come utente registrato

Utenti collegati esistenti