Indagine sul Covid-19 in Sardegna: la DaD e la dispersione scolastica (2022)

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

La pandemia da Covid-19 ha fatto emergere una serie di criticità del sistema scolastico italiano, in parte già note, in parte latenti, e ha posto sotto i riflettori l’interrelazione esistente tra l’istituzione scolastica nel suo complesso e gli altri livelli del sistema.

Il passaggio, improvviso e obbligato, dal tradizionale modo di fare scuola alla Didattica a distanza, resosi necessario per dare continuità educativa e formativa ai bambini e ai ragazzi che hanno vissuto la terribile esperienza di veder le loro vite stravolte in un tempo brevissimo, ha esacerbato numerose fragilità e disuguaglianze già presenti nella nostra organizzazione scolastica.

I problemi di equità, di accesso ineguale alle risorse materiali ed educative che ostacolano la partecipazione, quelli legati ad una imperfetta e incompleta formazione del corpo docente, i problemi strutturali che storicamente impediscono un reale progresso della scuola italiana, hanno messo in luce in tutta la sua drammatica portata ed attualità una forte fragilità educativa, resa ancora più acuta dalla crisi sanitaria.

Nonostante tutti gli ostacoli, la scuola è stata capace di reagire con grande prontezza, rivoluzionando in breve tempo – pur con molti limiti ed ampi margini di perfettibilità – un sistema didattico che appariva cristallizzato nella sua inamovibilità da diversi decenni.

l’indagine sulla Dad e sulla dispersione scolastica realizzata dall’Eurispes nelle scuole della Sardegna ha avuto come obietttivo quello di rilevare la percentuale di alunni che, a causa della pandemia da Covid-19 e delle necessarie misure di contenimento della stessa in àmbito scolastico, hanno smesso di frequentare la scuola nei due anni scolastici appena trascorsi e quanti sono a rischio di dispersione scolastica.
Più nello specifico, l’indagine è stata articolata per affrontare i seguenti aspetti: quanti minori hanno incontrato difficoltà con la Didattica a Distanza; quali sono stati i principali ostacoli incontrati nei periodi di attivazione della Didattica a Distanza; quanti minori sono a rischio di dispersione scolastica manifesta e occulta.
La rilevazione ha coinvolto 694 studenti della scuola secondaria di I e II grado.

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare accesso come utente registrato

Accesso per utenti iscritti
   
Social Network