Il fenomeno della dispersione scolastica nel Lazio: il significato della scuola nella percezione degli studenti 2002

L’Eurispes ha svolto, nel maggio 2002, un’indagine campionaria su 562 studenti delle scuole medie e del biennio superiore nelle province laziali. La ricerca ha preso in esame il rapporto degli intervistati con l’istituzione scolastica nel suo complesso, nell’intento di individuare nuclei problematici in cui possano annidarsi potenziali fenomeni di dispersione scolastica. Secondo i dati del Ministero dell’Istruzione sulle scuole statali e non statali, al dicembre 2001, nel Lazio, la dispersione scolastica alle medie (0,1%) e alle superiori (0,7%) era inferiore alla media nazionale (rispettivamente 0,3% e 0,9%). Dall’indagine Eurispes, tuttavia, emergono alcuni segnali che, per la loro esemplarità e la loro valenza conoscitiva, possono efficacemente inserirsi nel dibattito nazionale sulla modernizzazione dell’istituzione scolastica e sulla necessità di adeguare la qualità dell’offerta formativa alle richieste dell’utenza e del mercato del lavoro.

Indice

Contenuti

 

Capitolo I – L’analisi del contesto

Il quadro delle riforme

Definizione e cause della dispersione scolastica

Le strategie d’intervento e prevenzione

 

Capitolo II – Aspetti del fenomeno della dispersione scolastica

Le differenze fra i sessi

La situazione nazionale

Alunni con cittadinanza non italiana

 

Capitolo III – Indagine campionaria

Note metodologiche

Senso e significato dell’esperienza scolastica

Il rapporto con gli insegnanti

Il rapporto con i compagni di classe

La motivazione e la scelta della scuola superiore

L’atteggiamento degli alunni nei confronti degli stranieri

Principali nuclei di criticità

 

Bibliografia


Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare l'accesso come utente registrato

Utenti collegati esistenti