Atteggiamento e sensibilità dei medici di famiglia sul tema della donazione del sangue 2003

Il 47,4% dei medici di famiglia italiani sono “abbastanza” interessati al tema della donazione del sangue. Oltre un intervistato su quattro (il 27,9%), inoltre, ritiene che il grado di interesse sia alto e che, dunque, i medici italiani siano “molto” interessati alla donazione del sangue. Valutazioni positive sono state espresse pertanto dal 75,3% dei medici intervistati. Non mancano, tuttavia, i giudizi negativi, espressi dal 24,7% del campione: nello specifico, il 23,1% degli intervistati ritiene che i medici italiani siano poco interessati al tema della donazione del sangue mentre appena l’1,6% sostiene che non ci sia, da parte della classe medica, alcun interesse.
Sono questi alcuni dei risultati dell’indagine condotta dall’Eurispes in collaborazione con l’Avis sul tema della donazione del sangue nell’intento di verificare il livello di sensibilizzazione dei medici di famiglia intorno a questo tema. Si è tentato, inoltre, di individuare gli eventuali nuclei di criticità che ostacolano la diffusione delle pratiche di donazione nel nostro Paese e di raccogliere i suggerimenti provenienti dall’area professionale medica per la promozione di una efficace campagna di sensibilizzazione dei cittadini.

 

Introduzione

Un’indagine Eurispes-Avis sul tema della donazione del sangue per verificare il livello di sensibilizzazione dei medici di famiglia

Per visualizzare i documenti nella versione integrale è necessario effettuare l'accesso come utente registrato

Utenti collegati esistenti