Un Piano Marshall per il Mediterraneo promosso da Unione Europea e BRICS, il coordinamento internazionale tra Brasile, Cina, India, Russia, Sudafrica. E’ questa la principale proposta emersa nella Seconda Tavola Rotonda organizzata a Roma, mercoledì 14.12.2016 da EURISPES e Associazione PROSPETTIVE MEDITERRANEE in collaborazione con il Ministero Affari Esteri – MAECI e il patrocinio della RIDE-Rete Italiana per il Dialogo Euromediterraneo, in occasione della presentazione della prima giornata degli atti del Convegno “Un nuovo Piano Marshall per il Mediterraneo ed il Medio Oriente” MAECI, Sala Gaja.

Per l’Italia è aperta l’opportunità di svolgere un ruolo attivo fondamentale nella costruzione di un “ponte” di collaborazione tra EU e BRICS e di creare le condizioni per la organizzazione di un piano complessivo di sviluppo che ponga solide basi di convivenza pacifica, nel rispetto delle identità e nella valorizzazione del grande patrimonio comune dell’intera area. I paesi BRICS sono ormai una realtà stabile, presente e diffusa nel Mediterraneo e possono offrire un grande contributo alla sua crescita economica e all’integrazione sociale, aiutando i paesi dell’area ad affrontare in modo positivo fenomeni strutturali come quello dell’immigrazione. L’incontro, intitolato “BRICS tra Mediterraneo ed Africa: identità, sviluppo ed immigrazione”, è stato aperto dal Ministro plenipotenziario Amb. Enrico Granara, Coordinatore per gli Affari Multilaterali nella Area Euro-Mediterranea e nella Regione del Golfo, da Enrico Molinaro, Direttore della Rete Italiana per il Dialogo Euromediterraneo (RIDE)–Fondazione Anna Lindt (FAL), da Marco Ricceri, Coordinatore del Laboratorio sui BRICS di Eurispes. Hanno partecipato i rappresentanti diplomatici delle Ambasciate degli stati membri dei BRICS , esperti e diplomatici italiani del Ministero.

Social Network