Eurispes: indagine “Se io fossi il Sindaco di Roma…”

 

Corruzione, sporcizia e degrado le priorità da affrontare nella Capitale secondo i giovani romani


Se fossi il sindaco di Roma

 

Indagine Eurispes realizzata in collaborazione con gli alunni dell’Istituto Dante Alighieri di Roma

 

In collabolazione con l’Istituto Dante Alighieri di Roma, grazie ad una convenzione stipulata nel quadro dell’alternanza scuola-lavoro, e a ridosso dell’elezione del nuovo sindaco di Roma, l’Eurispes ha svolto un’indagine campionaria su un campione rappresentativo di ragazzi[1] residenti nella Capitale.

Un gruppo di studenti della Dante Alighieri è stato accolto in Istituto per un periodo di apprendimento in situazione lavorativa ed ha potuto seguire l’intero percorso della ricerca, dalla definizione dell’oggetto e degli obiettivi, alla formulazione del questionario, fino alla somministrazione sul campo e l’inserimento dei dati. I ragazzi, grazie anche alla disponibilità ed all’impegno della preside e dei docenti, hanno fornito un prezioso contributo personale allo sviluppo dell’indagine e manifestato partecipazione e coinvolgimento. L’Eurispes, che fin dalla sua fondazione annovera tra i suoi obiettivi quello di rappresentare un laboratorio di formazione per le giovani generazioni, ringrazia il liceo Dante Alighieri per la collaborazione.

I questionari sono stati distribuiti nel mese di maggio in 5 scuole romane e nella comunità di Sant’Egidio, allo scopo di costituire un campione rappresentativo delle diverse zone della città e delle differenti condizioni di vita dei ragazzi romani.

La scelta del tema d’indagine è strettamente legata all’attualità. Da un lato, l’imminente elezione del nuovo Sindaco della Capitale, dall’altro, il particolare momento di difficoltà attraversato dalla città e, di riflesso, dai suoi abitanti.

Il voto di giugno è arrivato dopo uno degli anni più drammatici degli ultimi decenni per la città di Roma, travolta da scandali continui – va ricordato quello denominato Mafia Capitale –, destabilizzata dalle sofferte dimissioni del sindaco Marino, massacrata dai disservizi, penalizzata nell’immagine. Gli ultimi mesi hanno visto il peggioramento di inefficienze e forme di degrado evidenti da anni: pessimo funzionamento dei trasporti pubblici, il problema irrisolto dello smaltimento dei rifiuti e della sporcizia diffusa, disordine e disorganizzazione, scioperi selvaggi, inadeguata manutenzione del patrimonio artistico, delle aree verdi, delle strade, abusivismo ed irregolarità, opere pubbliche incompiute, incuria generale. Circostanze che hanno veicolato in tutto il mondo un’immagine di mortificante decadenza ed abbandono, in netto contrasto con quella della Dolce Vita e della Grande Bellezza cristallizzate nell’immaginario straniero.

Proprio in considerazione di questi elementi è sembrato di particolare interesse dare voce alle opinioni ed alle proposte, alle speranze ed alle aspettative dei più giovani, quelli che saranno i cittadini di domani della Capitale.

 

I risultati dell’indagine

Chiamato a immedesimarsi nel ruolo di primo cittadino della Capitale, il 29% dei giovani intervistati afferma che il problema che affronterebbe in primis sarebbe la corruzione, piaga di un sistema che ha trovato in Mafia Capitale la sua più eclatante conclamazione. Per il 18,2%, invece, il problema da affrontare con maggiore urgenza è quello della sporcizia e del degrado in cui la città eterna ormai versa e che interessa per lo più le aree periferiche senza, tuttavia, escludere le zone centrali. Su percentuali sopra il 10% si attestano sia il cattivo funzionamento dei mezzi pubblici (11,9%), di cui le fasce giovanili sono importanti fruitori, sia la criminalità (11,6%). Quasi un ragazzo su dieci, il 9,1%, ravvede nella povertà il vulnus su cui agire più prontamente, mentre per il 6,6% è la manutenzione di strade e tombini a richiedere un tempestivo intervento. Interessante notare come il problema del traffico, che affligge pesantemente i lavoratori che utilizzano le arterie romane, sia sentito come prioritario solo dal 2,3% dei giovani, maggiormente attenti ad affrontare solertemente l’allarme terrorismo (4,5%).

 

TABELLA 1

Se tu fossi il sindaco di Roma, quale problema della città affronteresti per primo?
Anno 2016
Valori percentuali

 

Se tu fossi il sindaco di Roma, quale problema della città affronteresti per primo?

%

La corruzione

29,0

La sporcizia e il degrado

18,2

Il cattivo funzionamento dei mezzi pubblici

11,9

La criminalità

11,6

La povertà

9,1

La manutenzione di strade e tombini

6,6

L’allarme terrorismo

4,5

L’inquinamento

3,5

Il traffico

2,3

Altro

2,3

Non sa/non risponde

1,0

Altro

100,0

Fonte: Eurispes.

 

 

Strategie per il rilancio della citta’

I ragazzi sembrano avere ben chiaro quale sia il punto di forza della città: la gran parte, il 64,9%, per valorizzare maggiormente l’immagine di Roma in Italia e nel mondo punterebbe soprattutto sulla sua storia, che la rende unica e immortale. Un apprezzamento importante quello sul lascito artistico-culturale da parte dei giovani, che osano una sensibilità lungimirante nei confronti del valore del patrimonio romano, tale da stimolare un’attenta riflessione da parte delle principali Istituzioni, spesso deficitarie in termini di sfruttamento delle potenzialità di cui l’Urbe gode. Un intervistato su tre, il 34,6% punterebbe, invece, su modernizzazione e rinnovamento, elementi chiave per mettere la città al passo con le altre capitali europee.

 

TABELLA 2

Per valorizzare maggiormente l’immagine di Roma in Italia e nel mondo punteresti soprattutto…

Anno 2016

Valori percentuali

Per valorizzare maggiormente l’immagine di Roma in Italia e nel mondo punteresti soprattutto…

%

Sulla sua storia, che la rende unica e immortale

64,9

Su modernizzazione e rinnovamento, che la metterebbero al passo con le altre capitali europee

34,6

Non sa/non risponde

0,5

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Per amministrare la città il 75,5% degli intervistati si circonderebbe di giovani, capaci di interpretare i nuovi problemi e proporre cambiamento, mentre meno di un giovane su quattro, il 23,5%, farebbe ricorso alla figura di esperti, vista la complessità dei problemi da affrontare. Quella della contrapposizione tra giovani, forieri del cambiamento, da una parte ed esperti dall’altra riflette una tematica calda anche a livello politico nazionale, dove negli ultimi anni si è progressivamente assistito all’entrata in scena di forze che fuggono i classici sistemi partitici per proporsi come alternativa di rinnovamento.

 

TABELLA 3

Per amministrare la città ti circonderesti di collaboratori…

Anno 2016

Valori percentuali

Per amministrare la città ti circonderesti di collaboratori…

%

Giovani, capaci di interpretare i nuovi problemi e proporre cambiamento

75,5

Esperti, vista la complessità dei problemi

23,5

Non sa/non risponde

1,0

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Il 55,8% degli intervistati conviene nel ritenere prioritario un intervento sulle periferie, abbandonate a se stesse e con i problemi maggiori; una percentuale comunque significativa, il 42,4% si adopererebbe dapprima per il centro storico, quale simbolo della città e attrazione per i turisti, troppo spesso sporco e lasciato in balìa della disorganizzazione. Solo l’1,8% non saprebbe come agire o non offre una risposta.

 

TABELLA 4

Per prima cosa interverresti su…

Anno 2016

Valori percentuali

Per prima cosa interverresti su…

%

Le periferie, abbandonate a se stesse e con i problemi maggiori

55,8

Il centro storico, simbolo della città e attrazione per i turisti, troppo spesso sporco e disorganizzato

42,4

Non sa/non risponde

1,8

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Punti critici: periferie, turismo, sicurezza

Alla luce dell’attenzione emersa per le periferie, è interessante capire quali siano gli interventi privilegiati dai giovani al fine di valorizzarle: per ben il 38,4% la riqualificazione passerebbe attraverso interventi contro il degrado e la sporcizia. Il 22,7% preferirebbe rendere le periferie sempre meno isolate, rafforzando i collegmaneti con il centro. Ancora una volta, l’investimento sulla cultura risulta essere particolarmente a cuore agli intervistati, se il 19,4% promuoverebbe iniziative culturali in grado di attirare visitatori (musica, street art, fiere, mostre). Infine, il 18,4% favorirebbe la creazione di luoghi di aggregazione per i residenti, come circoli sportivi e culturali o gli orti urbani, questi ultimi capaci di esercitare una forte attrazione negli ultimi anni.

 

TABELLA 5

Quale intervento privilegeresti per valorizzare le periferie?

Anno 2016

Valori percentuali

Quale intervento privilegeresti per valorizzare le periferie?

%

Interventi contro degrado e sporcizia

38,4

Rafforzerei i collegamenti con il centro

22,7

Promuoverei iniziative culturali in grado di attirare visitatori (musica, street art, fiere, mostre)

19,4

Favorirei la creazione di luoghi di aggregazione per i residenti (circoli sportivi e culturali, orti urbani)

18,4

Non sa/non risponde

1,0

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

I giovani immersi nelle vesti di sindaco sono stati interrogati anche sul settore turistico, che in Italia presenta forti tinte chiaroscurali. Se da una parte, infatti, il Bel Paese vanta ben 51 siti Unesco, a cui si aggiungono due del Vaticano, ovvero una quota che nessun altro luogo al mondo conosce, parimenti si dimostra incapace di sfruttare al meglio l’enorme potenzialità ereditata dal passato: gli ultimi dati prodotti da WTTC rilevano per il 2015 che il contributo del turismo al Pil nazionale è per l’Italia di soli 76 miliardi, cifra che la pone ottava in classifica dopo Stati Uniti (488), Cina (224), Germania (130), Giappone (106), Regno Unito (103), Francia (89) e Messico (80).

Non solo, persiste una forte disomogeneità sul territorio nazionale in termini di capacità attrattive, con più del 60% del turismo concentrato in sole 4 regioni: Veneto, Lombardia, Toscana e Lazio. Quest’ultimo, che avrebbe dalla sua parte i tesori della Capitale, riesce a captare solo il 13,1% della percentuale realtiva alle quattro regioni, segno di un’evidente impasse nel gestire il patrimonio locale[2].

I suggerimenti allora proposti dai ragazzi in merito al primo provvedimento che attuerebbero per favorire il turismo nella città di Roma possono rappresentare un eventuale indirizzo strategico. Il 26,5% opterebbe per una maggiore pulizia e decoro della città, seguita da quanti, il 25,5% opererebbero per una maggiore efficienza del trasporto pubblico. Poco inferiore la quota di coloro che interverrebbero su una maggior manutenzione e cura del patrimonio storico-artistico (22,7%), mentre si attesta al 15,9% la percentuale orientata a un maggior controllo per prevenire furti e microcriminalità. Infine, scende al 7,3% il valore di quanti prenderebbero come primo provvedimento il maggior controllo e sanzioni contro le truffe ai danni dei turisti.  

 

TABELLA 6

Qual è il primo provvedimento che attueresti a favore del turismo nella città di Roma?

Anno 2016

Valori percentuali

Qual è il primo provvedimento che attueresti a favore del turismo nella città di Roma?

%

Maggiore pulizia e decoro della città

26,5

Maggiore efficienza del trasporto pubblico

25,5

Maggior manutenzione e cura del patrimonio storico-artistico

22,7

Maggior controllo per prevenire furti e microcriminalità

15,9

Maggiore controllo e sanzioni contro le truffe ai danni dei turisti

7,3

Non sa/non risponde

2,0

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Chiedendo agli intervistati quale intervento considerino più urgente per assicurare ai cittadini più sicurezza dalla microcriminalità, si evince che quasi la metà, il 46,7%, offre come ricetta un inasprimento della severità verso chi delinque. La percenzione serpeggiante nella comunità romana e nello specifico in quella giovanile sembrerebbe, quindi, palpare un certo difetto del sistema normativo tale da non garantire in primis la tranquillità dei cittadini. Non a caso, la seconda opzione più vagliata (30,1%) riguarda l’incremento delle pattuglie di controllo. Sempre nell’ottica di una maggiore vigilanza, seppure con una percentuale ben più esigua (9,3%), si colloca l’eventualità di avere più videocamere di sorveglianza, mentre si ferma all’8,6% l’intervento volto a dare più sostegno agli indigenti. Puntare sull’illuminazione delle strade è sentito come indifferibile solo dal 4,5% del campione.

 

TABELLA 7

Quale intervento consideri più urgente per assicurare ai cittadini più sicurezza dalla microcriminalità?

Anno 2016

Valori percentuali

Quale intervento consideri più urgente per assicurare ai cittadini più sicurezza dalla microcriminalità?

%

Più severità verso chi delinque

46,7

Più pattuglie di controllo

30,1

Più videocamere di sorveglianza

9,3

Più sostegno agli indigenti

8,6

Più illuminazione delle strade

4,5

Non sa/non risponde

0,8

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Per garantire una maggiore sicurezza ai cittadini, il 79,5% rafforzerebbe la presenza in città di carabinieri e forze di polizia a dispetto del 18,4% che non lo riterrebbe opportuno. Anche far ricorso ai vigili riscuote il parere positivo della maggiorana degli intervistati (59,1% vs 36,6%), mentre una situazione opposta si delinea per quel che concerne i soldati: oltre un giovane su due, il 50,2% non vi ricorrerebbe contro il 46,2% che ne consoliderebbe la presenza.

 

TABELLA 8

Rafforzeresti la presenza in città di…

Anno 2016

Valori percentuali

Rafforzeresti la presenza in città di…

Risposte

%

Carabinieri e forze di polizia

79,5

No

18,4

Non sa/non risponde

2,0

Totale

100,0

Vigili

59,1

No

36,6

Non sa/non risponde

4,3

Totale

100,0

Soldati

46,2

No

50,8

Non sa/non risponde

3,0

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Trasporti e mobilità

Sul fronte del trasporto pubblico locale i cittadini romani lamentano uno stato del servizio decisamente carente, tale da rendere gli spostamenti da un capo all’altro della città definibili iperbolicamente “un’impresa”. A fronte di simile condizione la maggioranza del campione ritiene che i cittadini per il trasporto pubblico dovrebbero pagare meno, in quanto i costi sono troppo alti rispetto all’effettivo servizio offerto. Fuori dal preponderante coro il 17,9% secondo i quali i cittadini romani dovrebbero pagare di più affinché la città possa fornire un efficientamento del servizio.

 

TABELLA 9

Per quanto riguarda i trasporti pubblici di Roma, secondo te i cittadini…

Anno 2016

Valori percentuali

Per quanto riguarda i trasporti pubblici di Roma, secondo te i cittadini…

%

Dovrebbero pagare meno: i costi sono troppo alti rispetto al servizio offerto

78,3

Dovrebbero pagare di più affinché la città possa garantire un servizio più efficiente

17,9

Non sa/non risponde

3,8

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Tra le soluzioni adottabili con più urgenza per migliorare la qualità del trasporto pubblico locale, quella maggiormente sostenuta con il 46% di consensi prevede la presenza di controllori perché tutti paghino il biglietto, soluzione peraltro impiegata già in molti paesi. Oltre un intervistato su quattro, il 28,3% investirebbe invece sulle vetture, insufficienti e in pessime condizioni. Le altre opzioni si mantengono tutte al di sotto della soglia del 10%: in particolare il 9,1% proporrebbe di destinare risorse al personale per prevenire gli scioperi. Per la città di Roma, quello degli scioperi è un problema di notevole rilevanza: si consideri che a livello nazionale da gennaio a settembre 2015 sono stati effettuati ben 193 scioperi del trasporto pubblico locale, in aumento rispetto allo stesso periodo del 2014 (135). L’Urbe ne ha contati da gennaio a settembre 2015 quota 16, per una media di due scioperi al mese: un numero importante, tanto da creare notevoli disagi ai cittadini romani, senza per questo entrare nel merito della legittimità delle richieste avanzate dai lavoratori[3].

 

TABELLA 10

Quale provvedimento adotteresti con più urgenza per migliorare la qualità del trasporto pubblico locale?

Anno 2016

Valori percentuali

Quale provvedimento adotteresti con più urgenza per migliorare la qualità del trasporto pubblico locale?

%

Prevedrei la presenza di controllori affinché tutti paghino il biglietto come in altri paesi

46,0

Investirei sulle vetture, insufficienti e in pessime condizioni

28,3

Destinerei risorse al personale per prevenire gli scioperi

9,1

Intensificherei i controlli per prevenire borseggi sui mezzi pubblici

8,8

Impedirei l’accesso sui mezzi ai mendicanti

7,3

Non sa/non risponde

0,5

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Si è, inoltre, chiesto ai giovani se promuoverebbero l’estensione della rete metropolitana ad aree in cui sono presenti reperti archeologici. Le risposte ottenute dimostrano ancora una volta come vi sia tra i ragazzi un effettivo intento di preservare l’assetto storico-artistico della loro città. Il 72,2% ritiene che sarebbe grave distruggere un patrimonio storico di tale valore; la percentuale di quanti sarebbero invece favorevoli, il 27,8%, adduce come motivazione il fatto che la rete metropolitana è assolutamente insufficiente, con gravi conseguenze per la mobilità.

 

TABELLA 11

Promuoveresti l’estensione della rete metropolitana anche ad aree in cui sono presenti reperti archeologici?

Anno 2016

Valori percentuali

Promuoveresti l’estensione della rete metropolitana anche ad aree in cui sono presenti reperti archeologici?

%

No, sarebbe grave distruggere un patrimonio storico di tale valore

72,2

Sì, la rete metropolitana è assolutamente insufficiente, con gravi conseguenze per la mobilità

27,8

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

La costruzione di piste ciclabili come contributo ai problemi di circolazione incontra il favore di gran parte degli intervistati: oltre otto su dieci (85,6%) ne promuoverebbero la realizzazione, in quanto utili per ridurre sia il traffio sia l’inquinamento. Uno scarso 12,9% si dichiara contrario a simile intervento, poiché in una città come Roma le piste troverebbero uno scarso utilizzo.

 

TABELLA 12

Promuoveresti la costruzione di piste ciclabili?

Anno 2016

Valori percentuali

Promuoveresti la costruzione di piste ciclabili?

%

Sì, sarebbero utili a ridurre traffico ed inquinamento

85,6

No, in una città come Roma resterebbero poco utilizzate

12,9

Non sa/non risponde

1,5

Totale

100,0

Fonte: Eurispes.

 

Tra i vari provvedimenti adottabili quello ritenuto più utile consiste nel potenziare le linee (bus, navette, ecc.) dedicate al raggiungimento del centro e dei luoghi in cui si tengono particolari eventi: lo pensa il 90,2% del campione (molto il 56,1% e abbastanza il 34,1%). Ampi consensi anche per l’eventualità di reintrodurre il bigliettaio/controllore su autobus/tram per un valore complessivo dell’80% (molto il 46,2% e abbastanza il 33,8%). Segue con il 74% (molto il 33,6% e abbastanza il 40,4%) l’opzione di multare chi getta mozziconi per terra, secondo quanto previsto dalla legge entrata in vigore quest’anno, mentre l’ipotesi di multare chi getta gomme per terra, in base alla normativa in vigore quest’anno, vede un intervistato su tre, il 33,8%, non troppo convinto della risoluzione (poco il 24,7% e per niente il 9,1%).

 

TABELLA 13

Quanto ritieni utili i seguenti provvedimenti?

Anno 2016

Valori percentuali

Quanto ritieni utili i seguenti provvedimenti?

Risposte

%

Reintrodurre il bigliettaio/controllore su autobus/tram

Per niente

5,6

Poco

13,9

Abbastanza

33,8

Molto

46,2

Non sa/non risponde

0,5

Totale

100,0

Potenziare le linee (bus, navette, ecc) dedicate al raggiungimento del centro e dei luoghi in cui si tengono particolari eventi

Per niente

0,8

Poco