“Tempo del Creato” manifestazione interconfessionale e interreligiosa,promossa dalla Diocesi di Albano. Partecipa Marco Omizzolo, sociologo e ricercatore Eurispes

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, tra Albano Laziale e Castel Gandolfo si terrà una manifestazione
interconfessionale, interreligiosa e aperta alle realtà del territorio dei Castelli Romani, il prossimo 4 settembre a partire
dalle 15,30, a cura degli uffici diocesani per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso e per la Pastorale sociale e del
lavoro e della comunità “Laudato si’” Castelli Romani.
L’evento avrà due momenti caratterizzanti: il primo sarà un percorso a piedi animato da riflessioni e testimonianze,
che si snoderà dal Belvedere Giovanni XXIII di Castel Gandolfo fino a piazza Pia di Albano lungo la pista ciclabile
“Cammino della fraternità”. Quindi si giungerà nella piazza Pia dove ci sarà un allestimento di stand e un palco da cui
interverranno il vescovo di Albano, Vincenzo Viva, i rappresentanti di diverse confessioni e religioni presenti in diocesi
e Marco Omizzolo, sociologo dell’Eurispes che da tempo è impegnato nella denuncia delle condizioni di schiavitù e
oppressione in favore della promozione dei diritti dei braccianti dell’agro pontino (specialmente Sikh).
Si tratta di un evento che la Conferenza episcopale italiana chiede di organizzare congiuntamente dall’ufficio per
l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso e l’ufficio per la Pastorale sociale e del lavoro, per sottolineare la necessità di
tenere connessi i temi del dialogo e dell’ecologia integrale (diritti, cura dell’ambiente, bene comune, salute,
spiritualità) al quale hanno aderito associazioni, enti e realtà che si occupano di promuovere e far vivere questi temi
nel nostro territorio e che animeranno la piazza con laboratori didattici, stand informativi e materiale divulgativo per
far conoscere la ricchezza e le diverse declinazioni della “cura”.
All’evento, che gode del patrocinio del Comune di Albano Laziale, hanno aderito e saranno presenti i rappresentanti
dell’ufficio diocesano per l’Educazione, la scuola e l’insegnamento di religione cattolica, della Caritas diocesana,
dell’ufficio diocesano per la Pastorale dello sport e tempo Libero e dell’ufficio diocesano per la Pastorale dei Migrantes,
insieme agli Oratori, l’Azione Cattolica, l’AGESCI Zona Castelli, la Fattoria Riparo, il gruppo operativo di Retake Castelli.

 

 

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Social Network