Agromafie. Gli appuntamenti di Ancona e Cittaducale promossi dal Corpo forestale dello Stato

Gli incontri sono previsti per il 2 e il 9 dicembre prossimi


 

Il Corpo forestale dello Stato promuove due appuntamenti per affrontare il tema delle “agromafie”: il primo lunedì prossimo, 2 dicembre ad Ancona, il secondo il 9 dicembre a Cittàducale (Rieti). “Lotta alle agromafie, leva di sviluppo dell’agroalimentare nazionale” è il titolo dei due convegni all’interno dei quali verrà presentato anche “Agromafie, 2° Rapporto sui crimini agroalimentari in Italia”, realizzato dall’Eurispes in collaborazione con Coldiretti (editore Datanews).

Ad Ancona il convegno avrà inizio a partire dalle 10.30 presso l’Auditorium della Mole Vanvitelliana (Banchina Giovanni da Chio, 28) e prevede i saluti di Cinzia Gagliardi (Comandante regionale per le Marche del Corpo forestale), Gian Mario Spacca (Presidente Regione Marche), Vincenzo Macrì (Procuratore generale Corte di Appello di Ancona), Alfonso Pironti (Prefetto di Ancona). A introdurre i lavori il Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, a cui seguiranno gli interventi di Giuseppe Vadalà (Direttore divisione sicurezza agroalimentare del Corpo forestale), Umberto Sirico (Comandante regionale della Guardia di Finanza per le Marche), Antonio Amoroso (Comandante provinciale dei Carabinieri di Ancona), Natale Giuseppe Frega (docente dipartimento Scienze agrarie di Ancona) e Stefano Masini (Responsabile ambiente Coldiretti). Le conclusioni saranno affidate a Donato Ceglie (magistrato procura di Napoli).

Il convegno organizzato a Cittàducale si svolgerà dalle 10.30, presso l’Auditorium della Scuola del Corpo forestale dello Stato (via Senesi, 1). Ad aprile i lavori sarà Umberto D’Autilia (Comandante delle Scuole del Corpo forestale) a cui seguiranno i saluti di Chiara Marolla (Prefetto di Rieti). Gli interventi previsti sono quelli di Gian Maria Fara (Presidente dell’Eurispes), Donato Ceglie (magistrato procura di Napoli), Arturo De Felice (Direttore della Direzione Investigativa Antimafia), Stefano Masini (Responsabile ambiente Coldiretti) e Giuseppe Vadalà (Direttore divisione sicurezza agroalimentare del Corpo forestale). Le conclusioni saranno affidate al Ministro delle politiche agricole, Nunzia De Girolamo.

Fonte: www.eurispes.eu

Social Network