Tg: Draghi si prende oltre il 40% dei titoli. Report Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese

Nei Tg il “trionfo” del Governo Draghi e il Salvini “europeista”. Tg4 contro “l’inutile” Ministero per la transizione ambientale

I Tg dall’8 al 12 febbraio – L’iter per la costituzione del Governo Draghi assorbe, com’era naturale, larga parte delle edizioni (oltre il 40% delle titolazioni), occupando quasi sempre l’apertura. Tutti i Tg si confrontano con uno scenario inedito, che vede le forze politiche “pacificate” e, quindi, anche l’informazione di serata è portata ad acclamare coram populi il nuovo Governo. Per il sociologo Mauro Magatti, ospite mercoledì del Tg5, la scelta di Mattarella di indicare Draghi ha prodotto un momento di “sobrietà” e concordia tra i partiti, e la fine del clima da rissa continua che accompagnava gli ultimi mesi del Conte 2. Speriamo che continui.

Nel quadro della “pax draghiana”, l’analisi delle testate si concentra sulla svolta della Lega, con il partito di Salvini passato in pochi giorni da posizioni ben più che “euroscettiche” all’appoggio entusiastico al Governo guidato dal salvatore dell’Euro (approfondimenti per Tg3, Tg5 e Tg La7). La pax politica e informativa è rotta dal solo Tg4, che giovedì si scaglia contro i 5 Stelle attaccando il nuovo dicastero per la transizione ecologica, definito “un altro ministero inutile”. La spaccatura nel Movimento, evidenziata dai risultati del voto sulla piattaforma Rousseau, è in apertura sulle altre testate Mediaset, mentre la frattura all’interno della coalizione di centro-destra, per la decisione di Giorgia Meloni di restare all’opposizione, viene seguita con più attenzione dai Tg Rai e La7.

Assai compresso risulta lo spazio dedicato ai numeri del Covid, che in settimana raccolgono solo 3 aperture, tutte su Studio Aperto. Attenzione nei servizi al dilagare delle varianti, destinate a soppiantare il ceppo originario. Buono l’approfondimento del Tg5 di lunedì, che nell’affrontare il dramma delle vittime dell’epidemia – ormai oltre le 90mila, e soprattutto tra gli anziani –, interpella l’arcivescovo Vincenzo Paglia, che parla di alcune misure per rendere più dignitosa la vecchiaia di molti italiani.

L’epidemia trova spazio anche nella pagina degli esteri, con l’autocritica di Von Der Leyen sui limiti e gli errori delle iniziative Ue per l’approvvigionamento dei vaccini. Attenzione, giovedì, anche ai risultati (per altro scontati) della trasferta del team dell’Oms a Wuhan sull’origine della pandemia, che mettono (forse) la parola fine alle teorie del virus “prodotto in laboratorio”.

Anche in una settimana piuttosto convulsa, il processo per impeachment a Donald Trump raccoglie 6 titoli, con 3 ampie coperture di Tg La7 dal taglio fortemente critico, che presentano inquietanti, inedite scene dell’assalto a Capital Hill.

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese

Social Network