This content is also available in: Italian

Cinzia Dato
Prof. di Scienza della Politica e Sociologia della politica presso la Università degli studi del Molise

Ha insegnato anche Analisi delle politiche pubbliche all’Università LUMSA di Roma. Senatore dal 2001 al 2006, (Gruppo Margherita) ha fatto parte della presidenza del senato italiano; deputato dal 2006 al 2008, (Gruppo Ulivo, quindi Socialisti-radicali) è stato membro della Commissione Affari Costituzionali.È membro del Consiglio direttivo dell’IPALMO -Istituto per le Relazioni tra l’Italia e i Paesi dell’Africa, America Latina, Medio ed EstremoOriente e del Consiglio della Rivista “Critica Liberale”. Vice presidente della Confederazione italiani nel mondo. Nelle pubblicazioni scientifiche ha approfondito, tra l’altro, le problematiche del ruolo delle lobbies nella vita dello Stato, dell’impatto socio-politico delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, del ruolo dei sindaci nel governo delle città. Ha svolto studi e analisi sui processi di cambiamento della classe politica nelle fasi di transizione.

Professor of Political Science and Sociology of Politics at the University of Molise, she has also teached Public Policy Analysis at the University LUMSA in Rome. Member of Parlament (socialist-radical): as Senator, 2001-2006, she was part of the Presidency of the Italian Senate; as Congresswoman, 2006-2008, she was member of the Constitutional Affairs Committee. Member of the board of directors of IPALMO- Institute for the relationships among Italy and the Countries of Africa, Latin America, Medium and Far East and of the directive board of the magazine “Liberal Criticism”. Vice President of the Confederation “Italians in the world”. In scientific publications she explored, among other things, the problems of the functions of the lobbies in the life of the state, socio-political impact of new information and communication technologies, the role of mayors in the city governance. She has done studies and analysis on the processes of change of the political class in the stages of transition

This content is also available in: Italian

Social Network